Dicono di lei ...

clicca x ingrandireLa prima volta che ho incontrato Jitka ho pensato subito a Marlene Dietrich che avevo conosciuto anni prima.
Di Marlene Jitka ha lo sguardo marino, l’energia dentro un corpo apparentemente fragile.
Quell’incontro era per un film che avremo dovuto girare insieme con la mia regia, "Gli angeli del potere", la videclicca x ingrandire protagonista di una vicenda drammatica fra eventi storici e sentimenti.
E quella cappa nera che le feci indossare insieme a quel baschetto di traverso sui capelli biondi si rifacevano certo a un’immagine di Marlene Dietrich.
Jitka Ŕ attrice di razza nel senso che Ŕ capace di occupare tutta la scena con la sua fragilitÓ vibratile, recita indifferentemente in ceco, italiano e tedesco e in tutte le lingue esprime un lacerante bisogno di vivere che cela una trattenuta dolcezza.
Questa per me Ŕ Jitka Frantova, l’attrice.

Giorgio Albertazzi

dicono_di_lei_puntini.gif (147 byte)

clicca per ingrandireCara Jitka
Oggi primo maggio nostra festa e soprattutto festa Tua io non ci sono, trattenuto a Napoli dal mio lavoro. Finira’ il film e riprenderemo il nostro discorso di affetto e di lavoro Per noi lavorare insieme conta e cercheremo di farlo nell’anno che comincia oggi cioe’ l’anno Tuo. Molti molti auguri Jitka cara sia un altro anno di successi anche in Italia e che la natura Ti conservi il Tuo carattere di lottatrice e il Tuo sorriso vincente.

Tuo Giorgio

 

dicono_di_lei_puntini.gif (147 byte)

clicca x ingrandireHo conosciuto Jitka Frantova cercando la protagonista per il film "Antonia la Forca", prostituta col viso d'angelo, un personaggio curioso. Jitka mi sembrava per questo ruolo giusta, perche' lei e' un’attrice particolare cosi’ diversa dalle altre. Non perche' sia meglio o peggio, anche se qualche volta e' quasi meglio di tutte, ma perche’ e' insolita. Lei entra dentro ogni ruolo, e nello stesso tempo rimane lei stessa. Questo clicca x ingrandiredovrebbe fare ogni bravo attore, specialmente nei ruoli cosi’ curiosi. Un commediografo, un autore del cinema , dovrebbe scrivere per lei. Non perche' e’ ceca, e il suo accento si sente ancora un pochino, ma perche’ e ' semplicemente diversa. Proprio nel nostro mondo teatrale di paesi di lingua tedesca, lei rappresenta qualcosa di speciale e singolare e il successo che abbiamo avuto con questo film e’ solo una conferma di questa mia teoria. Vorrei tornare all'accento. Lei tutto sommato non ce l’ha, perche’ tutti hanno accento. I Berlinesi ce l’hanno, gli Amburghesi anche, noi Austriaci lo abbiamo ben diverso. Tutti gli attori di tutti i tempi hanno avuto l’accento naturale della propria citta’ di origine. Perche’ non si dovrebbe notare, che Jitka e' una Ceca? Si nota se uno lo vuole notare, se non vuole, non lo nota. A teatro e' sempre cosi’. Io lo trovo persino un vantaggio. Rende la sua personalita' ancora piu’ curiosa, e la sua particolarita’ ancora piu’ particolare. Un regista puo’ essere felice di avere a che fare con attori cosi’, e in piu’ anche intelligenti, che sanno cosa recitano - e tutto questo Jitka lo porta con se’ per i suoi ruoli.

Michael Kehlmann,
austriaco, regista e autore di teatro, film e tv.

dicono_di_lei_puntini.gif (147 byte)

clicca x ingrandireJitka Frantova e' una donna che con la bravura ha governato due vite, tutte e due ugualmente difficili, al fianco di Jiri Pelikan, Direttore Generale di tutte le reti televisive ceche. Con lui, come conseguenza della invasione militare del Patto di Varsavia, ha vissuto in forzato esilio, durante il quale egli fu eletto due volte clicca x ingrandireparlamentare europeo per l’Italia. Prima, durante e dopo la morte del marito si e' sempre con immensa passione dedicata alla sua professione: attrice. Oggi e’ capace, come poche attrici, di recitare in tre lingue. .Oltre che nella sua lingua materna, anche in italiano e in tedesco. La sua incredibile vitalita’, che negli ultimi anni ha riversato anche nell’apprendimento del computer e nella difficile scuola di tango argentino, e' infallibile segno che la meta della sua vita e della sua creativita’ non e' ancora stata raggiunta.

Pavel Kohout,
scrittore e commediografo della Repubblica Ceca.

dicono_di_lei_puntini.gif (147 byte)

AUGURI DA PAVEL KOHOUT PER JITKA, 1 Maggio 2011